default-logo

ACCADEMIA MED. PALLIATIVE



Project:NEW ACADEMY / ristrutturazione compl. agricolo per nuova Accademia
Location:Bentivoglio Via Aldo Moro
Client:Fondazione Hospice M.TC. Seragnoli
Role: Architecture, Engineering, Work Management
Date:Design 2006 – Building 2008
Construction Cost: 1.600.000,00€

Questo progetto nasce nel più ampio contesto del complesso dell’Hospice di Bentivoglio creato da Isabella Seragnoli e progettato negli anni ’90 dall’arch. Enzo Zacchiroli.
In prossimità dell’Hospice, oltrepassando un canale irriguo, vi era una casa agricola ed un fienile con stalla in rovina. Questi due edifici sono stati scelti per un recupero che consentisse la realizzazione della nuova Accademia delle Scienze di Medicina Palliativa istituita qui nel 2006. La casa è stata restaurata con lo scopo di insediarvi gli uffici e, a secondo piano, una foresteria. E’ anche predisposta per un uso laboratoriale, a piano terra. L’ex-fienile, con spazi particolari e più generosi, è stato pensato per le aule didattiche e l’amministrazione. E’ un luogo dove tenere corsi ed essere immersi in un ambiente naturale, confortevole. Un posto dove trovare una pausa ai temi della vita e della morte sempre presenti nel vicino Hospice.
Il restauro operato ha consentito di salvare e portare a nuova vita tutta una serie di elementi del precedente uso agricolo come tagli e feritoie in parete, inferriate e ganci e soprattutto le colonne e le volte del fienile che, nate per il prezioso ricovero degli animali, sono oggi un luogo di piacevole contatto col sapore della storia recente. L’edificio è stato tutto rinforzato nelle fondazioni ed alcune colonne, oltre al processo di desalinizzazione, sono state fisicamente raddrizzate. All’esterno sono stati conservati alcuni muretti emergenti dal piano di campagna e il pozzo presente davanti alla casa. L’intervento principale nel fienile, l’introduzione di una scala prima non presente, è stato volutamente segnalato con un volume bow-window visibile all’esterno e da cui vedere brani di campagna. Il portico protettivo/schermo solare posto a sud delle ampie aperture del fienile è stato realizzato con tronchi sbozzati ed inerbito con essenze a foglia caduca quali il Glicine.
Al di là del canale, sul quale è stato realizzato il ponticello carrabile, è stato progettato un nuovo edificio per il ricovero dell’ambulanza e magazzinaggio, in mattoni. Il linguaggio utilizzato rappresenta un tentativo di integrare rispettosamente questo corpo nel complesso progettato da Zacchiroli.
Negli anni successivi sono state realizzate tre case in legno come foresteria studenti di color rosso Ferrari dall’ing. Antonio Iascone a completamento della dotazione del complesso.

By :
Comments : Off
Informazioni sull' autore.
Fausto Savoretti, nato a Rimini nel 1968. Laureato in Ingegneria Edile nel 1997 presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Bologna con tesi “Progetto del bazar centrale di Bukhara: ricerca di uno sviluppo congruente con il tessuto della città”; relatore Prof. Ing. C. Porrino – Progettazione Urbana, correlatore Prof. Arch. Attilio Petruccioli – Dir. Aga Khan Program for Architecture (M.I.T.).Iscritto all’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna nel 1998 con il n. 5798/A.Iscritto nell’elenco dei Professionisti abilitati L.818/’84 cod. BO05798I00806 dal 2010.Progettista architettonico.Professore a contratto di Disegno dell’Architettura – Università di Bologna – Facoltà di Ingegneria di Ravenna – A.A. 2006-2007 – ICAR/17. Leggi tutto...